Analisi comparativa dei sistemi micro-chip RFID e NFC – caso Identificazione

PRESENTAZIONE DEL MICRO-CHIP

Il microchip RFID (Radio Frequency Identification : microchip a radio-identificazione) è un circuito integrato basato su una tecnologia passiva creata già da qualche decennio. È un tag di conservazione e trasferimento di un quantitativo molto limitato di dati e che NON ne permette l’aggiornamento durante la vita dell’animale

Sono usati per etichettare i prodotti di consumo e industriali da parte di grandi aziende per la gestione della logistica e antitaccheggio.

Il microchip NFC (Near Field Communication) è invece una tecnologia evoluta rispetto all’RFID e intuitiva che vi permette d’utilizzare il vostro cellulare (o il vostro tablet) per poter essere collegato, tramite un URL memorizzato all’interno del chip, ai dati di riferimento archiviati in cloud. Il chip NFC costituisce una rivoluzione tecnologica. Una delle principali caratteristiche della tecnologia NFC è la seguente: è automatica, non è necessario aprire un’applicazione. Basta avvicinare lo smartphone al chip NFC ed immediatamente compariranno i dati certificati relativi all’animale sul quale è stato impiantato.

La dimensione del chip NFC ricorda quella di un grano di riso, è certificato ICAR e viene inserito tramite una siringa nella parte sottocutanea dell’animale

SISTEMA DI LETTURA DEL MICRO-CHIP

 

La lettura del chip RFID è limitata al solo apparecchio di lettura specifico che permette di leggere il codice numerico memorizzato all’interno.

La lettura del chip NFC è invece molto più rapida e pratica e può essere eseguita tramite uno smartphone (cellulare) o un tablet che in automatico, senza aprire nessuna app, mostrerà le informazioni relative al codice identificativo/URL, memorizzato all’interno.

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

 

Il chip RFID funziona da solo. Ogni chip è unico e corrisponde ad un unico numero composto da diverse cifre (8,10,12 ecc)

Il chip NFC permette il collegamento diretto con un database esterno e Ciascun URL memorizzato è unico e non modificabile.

Modalità di recupero delle informazioni dei database

Possono essere aggiunte un numero illimitato di informazioni che verranno archiviate nel database sul server, l’amministratore o una persona abilitata, può consultare i dati, modificarli, controllarli o verificare le informazioni connettendosi direttamente sul server dallo smartphone tramite l’applicazione e/o tramite una postazione fissa di lavoro.

Una volta creato il software specifico e creata una base dati sul server, l’amministratore o una qualsiasi persona abilitata, può avere informazioni dal suddetto database attraverso smartphone/tablet direttamente dal luogo in cui si trova (qualsiasi sia la sua posizione geografica) connettendosi al server. Le informazioni sono ottenute in tempo reale.

CONCLUSIONI(I COSTI E I VANTAGGI)

La differenza di costo è sostanziale nel fatto che il chip RFID è utilizzabile solo come supporto di memoria mentre l’NFC è un elemento di un sistema completo in cui il software, associato a un sistema di connessione, permette di leggere le informazioni archiviate direttamente nel database, di leggere, di correggere e verificare tutte le informazioni attraverso anche un tablet/telefono NFC ovunque sia il luogo in cui si trova. Inoltre, la lettura del tag NFC è molto più evoluto in quanto permette di essere letto anche da smartphone e tablet attraverso la semplice scansione dello stesso. E’ chiaro come i due sistemi siano totalmente differenti e non si può non notare la semplicità e le molteplici possibilità di iterazione, partendo dalla lettura del NFC con gli apparecchi di ogni giorno.

In conclusione, si noti che nel nostro paese è ancora il chip RFID che viene ancora utilizzato nel settore dell’allevamento malgrado i suoi limiti in confronto agli obiettivi di modernizzazione del settore, alle esigenze sul piano economico e social (sicurezza del bestiame, disponibilità permanente e facilitata delle informazioni ottenute in tempo reale, ecc). Se ci riferissimo unicamente al costo del chip, la differenza sarebbe comunque non discriminante. Tuttavia, come precedentemente menzionato, l’NFC è considerato come una componente d’insieme. Al sistema NFC si associa quindi il risparmio di tempo, l’eliminazione o la forte riduzione dei costi di spostamento, la facilità d’uso, la possibilità di connettersi al server in più persone contemporaneamente, la possibilità di inserire illimitate informazioni (non essendo inserite nel chip stesso che ha un limitatissimo ambito di spazio) la risposta alle esigenze delle norme internazionali, etc.